Con il Dpcm 25 marzo 2020 sono state modificate le attività produttive idustriali e commerciali sospese dal precedente Dpcm 22 marzo 2020.  Il nuovo Dpcm modifica allegato 1 nel quale sono riportate le attività consentite (disposizioni efficaci fino al 3 aprile).

Qui una nostra elaborazione con le attività sospese e non sospese.

Continuano ad essere comunque consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità, nonchè servizi essenziali di cui alla legge 12 giugno 1990, n. 146. Nonchè restano sempre consentite anche le attività che sono funzionali ad essicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all’allegato 1, nonchè dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali previa comunicazione al Prefetto.

Le attività le cui attività non sono sospese rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus codiv-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14 marzo 2020 fra Governo e parti sociali.

 

Leggi anche:

Coronavirus: Cgil, Cisl e Uil, intesa con Governo su attività essenziali ottimo risultato
Landini, abbiamo ottenuto un risultato importante. Non lasceremo mai nessuno solo. (fonte Cgil.it)

Coronavirus: Landini, Furlan e Barbagallo, nel decreto solo attività essenziali o sarà mobilitazione fino allo sciopero generale (fonte Cgil.it)