Continuo aumento di prestazioni richieste e cronica carenza di tecnici: la Fp Cgil lancia l’allarme per il laboratorio dell’ospedale di Empoli e proclama lo stato di agitazione. “Con questa pandemia situazione organizzativa al collasso. I lavoratori sono allo stremo, senza riposi, permessi e nemmeno i 52 festivi annui spettanti. Vanno rispettati i loro diritti e servono assunzioni”. Domani giovedì 11 marzo presidio del sindacato ore 9-12 davanti all’ospedale di Empoli

Dall’inizio della pandemia il laboratorio dell’ospedale di Empoli è sottoposto a un continuo aumento delle attività e dei carichi di lavoro: il vertiginoso aumento della richiesta di prestazioni va a sommarsi alla cronica carenza di tecnici di laboratorio, figura da sempre colpevolmente sottostimata nelle dotazioni previste dalla USL Toscana Centro rispetto all’importante volume di richieste generate da un ospedale come quello di Empoli e dal suo territorio.

Dal mese di agosto tutto il personale del laboratorio è obbligato a non fruire dei dovuti riposi settimanali per non mettere in ginocchio la precaria tenuta degli stessi turni di servizio, che non riesce nemmeno a garantire ai lavoratori l’elementare diritto, sancito dalle norme europee e dal contratto nazionale di categoria, di FRUIRE DI MINIMO 52 GIORNI FESTIVI ALL’ANNO.

La scarsità di operatori impedisce al personale presente di chiedere anche un solo giorno di permesso, di ammalarsi o di avere improvvisi problemi familiari per non costringere i colleghi a turni di lavoro immani per sopperire all’assenza; da anni le dotazioni di tecnici assegnate dall’Azienda per il pieno funzionamento del laboratorio non sono state nemmeno sufficienti per gestire il quotidiano volume d richieste di prestazioni che provengono dai servizi sanitari dell’ospedale e del territorio empolese.

COME SE TUTTO CIO’ NON BASTASSE, CON UNA SITUAZIONE ORGANIZZATIVA AL LIMITE DEL COLLASSO, L’AZIENDA HA DECISO DI GRAVARE ULTERIORMENTE I GIA’ USURANTI CARICHI DI LAVORO DEI TECNICI EMPOLESI CON L’ARRIVO DI ALTRI 200 ESAMI DAL LABORATORIO PRATESE AD ISORISORSE: UNA VERA E PROPRIA BEFFA.

La FP CGIL da più di un anno chiede un’importante e urgente immissione di personale, con la graduatoria ESTAR a ruolo di tecnici di laboratorio, ma l’Azienda è stata incapace di reclutare il personale necessario per garantire i diritti dei lavoratori e di mettere in sicurezza la tenuta del servizio stesso, che vive da marzo una perenne emergenza organizzativa a causa della pandemia.

La FP CGIL per questi motivi ha proclamato lo stato di agitazione permanente di tutto il personale tecnico sanitario del laboratorio di Empoli, che terminerà solo con una cospicua immissione di tecnici nell’attuale dotazione (almeno 6 ne servono), pronta ad agire in tutte le sedi più opportune per l’immediato ripristino dei diritti contrattuali dei lavoratori fino ad oggi colpevolmente calpestati. Domani giovedì 11 marzo presidio di Fp Cgil ore 9-12 davanti all’ospedale di Empoli.

Firmato: FP CGIL Usl Toscana Centro