Firmata l’ipotesi per il nuovo contratto integrativo regionale. Facciamo chiarezza!

La Toscana è la prima in Italia a vedere la sottoscrizione di un contratto regionale del settore che riguarda circa 550 cooperative e si applicherà a oltre 30 mila lavoratrici e lavoratori.

LE PRINCIPALI NOVITÀ INTRODOTTE

  • ABITI DA LAVORO E TEMPO DI VESTIZIONE. Per coloro che hanno l’obbligo di indossare una divisa in orario di lavoro viene rafforzato l’art. 85 del CCNL che prevede la fornitura di almeno due abiti da lavoro all’anno. Va chiarito come le cooperative rispetteranno l’obbligo di lavare gli indumenti.
  • TEMPI DI VESTIZIONE. Sono riconosciuti 14 minuti complessivi comprensivi di eventuale passaggio di consegna.
  • RIMBORSO SPESE CHILOMETRICO. Passa da 0,30 a 0,44 centesimi al chilometro per chi utilizza il proprio automezzo per i servizi.
  • CONGEDI PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA.
  • INDENNITÀ PER ATTIVITÀ DI SOGGIORNO.
  • BANCA DELLE ORE. Uniformato il metodo di conteggio della Banca delle ore, allineandolo alle ore effettivamente lavorabili e non più al divisore contrattuale.
  • INDENNITÀ MENSILE PER IL LAVORATORE CHE AFFIANCA UN INSERIMENTO LAVORATIVO.
  • DEFINIZIONE DELLE PERCENTUALI DI ORARIO NON FRONTALE nei servizi educativi ed alla prima infanzia.
  • INTEGRATA LA NORMA SULLA QUALIFICAZIONE, RIQUALIFICAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE che migliora l’art.70 del CCNL.

IL VOLANTINO

Ma non ci fermiamo qui! Queste sono alcune delle novità introdotte dalla ipotesi di accordo che verrà illustrata e votata nelle assemblee sindacali. Aver rinnovato questo contratto regionale non esaurisce la discussione ma ci fornisce un primo strumento per evitare la frantumazione del contratto e la non omogeneità delle condizioni applicate alle lavoratrici e ai lavoratori.

Nei prossimi mesi proseguiremo il confronto sulla definizione del Premio Territoriale di Risultato e su altri temi come la disciplina specifica del cambio d’appalto, la classificazione dei lavoratori e l’orario di lavoro.

Per leggere la nota di FP CGIL Toscana, clicca qui.